Cambia il meteo, non il vincitore: Sebastian Vettel ha trionfato nel Gran Premio di Spa-Francorchamps, in una gara che contrariamente alle aspettative non ha visto la caduta della pioggia. Grazie al secondo posto di Mark Webber, poi, la scuderia anglo-austriaca ha ottenuto la sua decima doppietta; il terzo posto è andato a Jenson Button, partito tredicesimo, che grazie ad una strategia azzeccata e all’entrata della safety-car, è stato protagonista di una grande rimonta.

Fernando Alonso ha guadagnato posizioni preziose al via, ritrovandosi subito dietro al compagno di squadra; autore di spettacolari sorpassi ai danni di numerosi piloti, tra cui Webber e Massa, è rimasto fino a pochi giri dalla fine in seconda posizione; purtroppo il rendimento delle gomme a mescola media non è stato all’altezza di RBR e McLaren, e così il pilota asturiano ha concluso la corsa ai piedi del podio. Felipe Massa, invece, dopo una prima parte in cui si è trovato nel mezzo della battaglia, ha forato una gomma posteriore e ha finito all’ottavo posto.

Lewis Hamilton è uno degli sconfitti di questa gara: lottando con Kobayashi, infatti, è uscito di pista ed è stato costretto al ritiro; l’incidente è stato abbastanza pericoloso, ed ha comportato l’uscita della Safety-car,  durante la quale Vettel, vittima come il compagno di squadra e Hamilton di Blistering (tutti e tre avevano chiesto alla direzione gara di poter sostituire le gomme anteriori prima della partenza, ma ciò era stato loro negato), ha cambiato le gomme, scelta che probabilmente lo ha aiutato nella vittoria finale.

Le due grandi sorprese delle qualifiche, Alguersuari e Senna, hanno conseguito due corse deludenti, con il primo che è stato costretto al ritiro e il secondo che ha chiuso al tredicesimo posto. Il brasiliano, teso a causa della sua posizione in griglia, ha colpito alla partenza il pilota spagnolo, ed è stato penalizzato con un drive-trough. Nel contatto è stato toccato anche Alonso, che tuttavia non ha riportato danni alla vettura.

Le due Mercedes sono state protagoniste di due gare eccellenti: Michael Schumacher, dall’ultimo posto, ha rimontato fino al quinto, davanti perfino al compagno di squadra Rosberg, che nella partenza aveva anche superato Vettel per la prima posizione. A punti sono andati anche Sutil, Petrov e Maldonado, che dopo le qualifiche era stato arretrato di 5 posizioni per il contatto avuto con Hamilton ed era quindi partito in 21esima posizione.

 

In questa corsa la Red Bull è tornata la squadra più competitiva, con Vettel e Webber veloci in qualunque situazione e con qualunque compound di gomme; solo la McLaren è stata al suo livello, nel finale Button era il più rapido, e Hamilton, se non fosse uscito, avrebbe certamente lottato per la vittoria. La Ferrari lotta sempre con lo stesso problema: il riscaldamento delle gomme, specialmente quelle più dure; questo tallone d’ Achille la rende più lenta di circa un secondo e mezzo rispetto alle squadre di vertice.

In mattinata è stato annunciato che torneranno i test durante la stagione, tra cui uno al Mugello nel periodo di maggio. Inoltre oggi Kubica ha affrontato la sua ultima operazione chirurgica, riuscita con successo. Il prossimo appuntamento si terrà a Monza, dove le squadre, i piloti, e soprattutto i tifosi promettono di dare spettacolo.

 

Informazioni su IlariaF1

Hey! I'm Ilaria, an 18 years old student from Italy :)

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...