Il circuito di SPA-Francorchamps è uno dei primi tracciati entrati  a far parte del calendario di corse in F1; venne ricavato dall’unione delle strade di tre piccoli paesi delle Ardenne: Malmedy, Stavelot e Francorchamps. Nel 1979, dopo diversi incidenti mortali e il conseguente trasferimento del Gran Premio in un altro circuito, la pista venne drasticamente cambiata, con una riduzione di lunghezza da 14 a 7 Km, che permise di reintegrarlo definitivamente nel Campionato Mondiale di F1 nel 1985.

La varietà di curve, tra le più belle di tutto il Mondiale, e la presenza di lunghi rettilinei, lo ha reso uno dei tracciati più impegnativi nel calendario delle corse; ogni gara serba battaglie, duelli e colpi di scena tra i più appassionanti nella storia di questo sport. Qui è avvenuto uno dei più celebri sorpassi della storia, quello di Mika Hakkinen nei confronti di Schumacher: approfittando di un doppiaggio, il pilota finlandese sorprese Michael Schumacher prendendo la traiettoria opposta e superandolo così con successo. 

Come non ricordare poi il famosissimo duello tra Lewis Hamilton e Kimi Raikkonen del 2008: a tre giri dalla fine, infatti, sul tracciato belga incominciò a piovere pesantemente, ma solo pochi decisero di cambiare gomme passando a quelle da bagnato; al vertice della classifica si scatenò quindi una battaglia ricca di sorpassi che si concluse con l’incidente del “Re di SPA”, Raikkonen, denominato in questo modo per le sue numerose vittorie sulla pista delle Ardenne, nel 2004, 2005, 2007 e 2009, e l’apparente vittoria di Hamilton, che però, a causa di un cambio di traiettoria durante un sorpasso, venne penalizzato duramente; la vittoria andò così a tavolino all’altro pilota della Ferrari, Felipe Massa.

Nel 2009, durnte le prime fasi di gara, un incidente coinvolse tre campioni come Hamilton, Alonso e Button; Kimi Raikkonen, con una Ferrari in grande crisi, riuscì a vincere davanti a Giancarlo Fisichella e la sua Force India, veramente competitiva.

Nel 2010 Lewis Hamilton riuscì finalmente a ottenere una vittoria sul tracciato delle Ardenne, mentre Alonso, Vettel e Button, contendenti al Titolo iridato,  furono protagonisti di tre gare disastrose: il primo venne all’inizio centrato da Rubens Barrichello, nel suo 300esimo GP, e poi, con l’arrivo della pioggia, andò in testacoda uscendo di gara; il secondo causò una collisione con il terzo, Button, per questo ritirato, venne penalizzato con un drive trought, bucò una gomma durante un sorpasso nelle retrovie e dovette quindi rimanere confinato, dopo aver cambiato nuovamente le gomme, nelle ultime posizioni della classifica.

 

Una costante di questo Gran premio è sicuramente la pioggia, che arricchisce di colpi scena ogni corsa; sarà fondamentale quindi anche quest’anno avere una monoposto che si comporta bene su pista bagnata e con temperature basse, perchè nel Nord Europa le precipitazioni sone sempre in agguato e, come abbiamo visto, hanno cambiato il corso della gara nella maggior parte di esse.

Informazioni su IlariaF1

Hey! I'm Ilaria, an 18 years old student from Italy :)

Una risposta »

  1. CastagnaMatta scrive:

    Wow, addirittura i video! Mi avevano sempre parlato del sorpasso di Hakkinen nei confronti di Schumacher, ma non l’avevo mai trovato… Non vedo l’ora che arrivi domenica prossima!
    Bel post come sempre🙂

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...